IL RAGAZZO PIU’ BELLO DEL MONDO

Il protagonista di Morte a Venezia ricorda la sua incursione nel mondo del cinema.

Proiezione in Lingua Originale con sottotitoli italiani.

Lunedì 13 settembre: ore 21:00

Martedì 14 settembre: ore 21:00

Mercoledì 15 settembre: ore 21:00

Ingresso Unico € 7,00

-

Genere: Documentario

Regia: Kristina Lindström, Kristian Petri

Paese: Svezia

Durata: 93 minuti

Distribuzione: Wanted Cinema

Nel 1970, il sessantaquattrenne Luchino Visconti è in cerca dell’imberbe protagonista del film che da tempo vuole trarre dal romanzo di Thomas Mann, Morte a Venezia. Dopo quattro anni di provini in mezza Europa, finalmente lo trova a Stoccolma: è l’esordiente Björn Andrésen, ha quindici anni e per il regista milanese incarna la bellezza perfetta di Tadzio, il ragazzino algido che sulla pagina von Aschenbach, artista in disfacimento fisico, desidera e contempla da lontano. Presentando il film in anteprima a Londra l’anno dopo, Visconti descrive Andrésen come “il più bel ragazzo del mondo”, e la definizione inchioda il giovane attore, la cui immagine è “di proprietà” da Visconti per tre anni, non solo all’attenzione ossessiva dei media, ma di uomini attratti dal modello etereo e inaccessibile di Tadzio. Lo aspettano il clamore del Festival di Cannes, una maturità alla ricerca di affetti mai avuti e una tournée micidiale in Giappone, dove l’immagine di “angelo della morte” ispirerà perfino il manga Le rose di Versailles, meglio noto da noi come Lady Oscar: lo ammette la sua stessa autrice, Riyoko Ikeda, orgogliosa di aver inconsciamente colto la costitutiva tristezza di Andrésen.